LANCIA APPIA

Adattissima per servizi matrimoniali per la sua particolare apertura a libro delle porte, venne presentata al Salone di Torino dall’Aprile ’53, ed all’epoca costava molto più di una normalissima berlina; si parlava di 1.331.500 lire. La differenza di quasi 500.000 lire in più è dovuta alle soluzioni tecniche molto sofisticate per il periodo ovvero cilindri a V stretto, due alberi a camme nel basamento, valvole in testa inclinate con sedi riportate, camere di scoppio emisferiche, testa in alluminio ed una maggiore accuratezza di costruzione della carrozzeria.

Negli anni ’50, abbandonati ormai i nomi delle città laziali (Aprilia, Ardea), la Lancia prosegue la via intrapresa con la Aurelia e designa il nuovo modello con il nome di un’altra notissima strada consolare romana cioè “Appia” (Appia Antica) che era una strada romana di collegamento Roma / Brindisi, il più importante porto per la Grecia e l’Oriente nel mondo dell’antica Roma. Voluta dal console Appio Claudio Cieco la sua costruzione iniziò nel 312 a.C

<< INDIETRO
Appia front
Cilindrata (cm3):
Pneumatici:
Anno:
Motore:
Peso (kg):
Colore:
Cilindri:
Freni.A:
Velocità (Km/h):
Potenza (cv):
Freni.P:
Marce:
Giri (gpm):
Alimentazione: :
Posti: :
Distribuzione: :
Trazione: :

PRENOTA LA TUA AUTO

Per richiedere un preventivo o effettuare una prenotazione auto

CLICCA QUI